Le fantasie sessuali più diffuse tra le under 25. Sai quali sono?

Le fantasie sessuali più diffuse tra le under 25. Sai quali sono?

I propri gusti sessuali cambiano rispetto all’età in particolare per le donne che, molto più degli uomini, amano sperimentare situazioni diverse e inconsuete.

Mentre la stragrande maggioranza degli uomini si limita a un “basta che si scopi”, le donne invece hanno decisamente un gusto più raffinato nella scelta di “tutto” e per loro spesso è molto più intrigante la situazione che quello che voi le state facendo.

E quali sono le fantasie più ricorrenti nelle donne Under 25? ecco a voi un piccolo elenco:

Uomo più grande o famoso

E’ un classico: le giovani ragazze cercano qualcuno che le vizi e coccoli alo stesso tempo e questo spesso accade quando la persona è più grande. Va messo da parte il discorso della figura paterna: è più uno sugar daddy che possa dare maturità e sicurezza nell’abbandonarsi.

Sesso di gruppo

L’orgia o sesso di gruppo è una delle fantasie sessuali più esplorate dalle giovani, anche se la fantasia piu’ ricorrente si limita a farlo con al massimo due ragazzi. Questo perchè un numero maggiore di componenti mette fondamentalmente paura e si rischia non avere più il controllo della situazione.

Sesso all’aperto

E’ forse la tipologia più realizzabile di fantasia: basta trovare il luogo giusto ed un partner altrettanto avventuroso. E quando si è giovani entrambi i fattori non sono difficili da ottenere.

Esibizionismo

Farlo davanti ad altre persone, o in luoghi nei quali si possa essere facilmente scoperti. Magari una finestra che dà sull’esterno. Le possibilità sono molteplici, come le variazioni sul tema di questa fantasia esibizionista.

Sperimentare sessualmente

Quando si tratta di sesso bisogna ricordare che la sessualità è fluida molto più di quel che si pensa.  E i più giovani in tal senso… fantasticano molto. Come biasimarli? Non sempre agiscono su tali fantasie però.

Lo scambio di coppie in Italia: esplorando la libertà sessuale e le relazioni non convenzionali

Lo scambio di coppie in Italia: esplorando la libertà sessuale e le relazioni non convenzionali

Introduzione Lo scambio di coppie, un fenomeno che coinvolge la condivisione di partner sessuali consensuali tra coppie, sta diventando sempre più presente in Italia. In un’epoca in cui la sessualità e le relazioni non convenzionali stanno guadagnando maggiore accettazione e apertura mentale, molte coppie italiane stanno esplorando questa pratica come modo per spezzare la routine e sperimentare nuove emozioni.

Contesto culturale L’Italia, una nazione con una forte tradizione cattolica, sta vivendo un cambiamento culturale significativo riguardo alla sessualità e alle relazioni. L’influenza di movimenti come il poliamore e l’apertura mentale verso le varie forme di espressione sessuale stanno aprendo la strada a una maggiore comprensione e tolleranza dello scambio di coppie.

Motivazioni Le motivazioni che spingono le coppie italiane ad avvicinarsi allo scambio di partner sono varie. Alcuni cercano una maggiore intimità emotiva ed erotica, desiderando sperimentare nuove connessioni e rafforzare il legame con il proprio partner. Altri sono mossi dalla curiosità e dalla voglia di esplorare la propria sessualità in un ambiente sicuro e consensuale.

Comunità e club In Italia, esistono diverse comunità e club dedicati allo scambio di coppie. Questi luoghi offrono un ambiente discreto e riservato in cui le coppie possono incontrarsi, socializzare e intraprendere esperienze con altre coppie interessate. Alcuni club organizzano eventi e feste tematiche per facilitare gli incontri e creare un’atmosfera accogliente.

Norme e regole Lo scambio di coppie in Italia è regolato da norme e regole che sottolineano l’importanza del consenso e del rispetto reciproco. La comunicazione aperta e onesta tra i partner è fondamentale, insieme alla definizione chiara dei confini e dei desideri di ciascun individuo. Queste regole servono a garantire che l’esperienza sia piacevole e rispettosa per tutti i partecipanti.

Benefici e sfide Lo scambio di coppie può portare una serie di benefici, tra cui una maggiore fiducia e complicità tra i partner, la sperimentazione di fantasie e desideri nascosti, nonché l’arricchimento della vita sessuale. Tuttavia, ci sono anche sfide da affrontare, come la gestione delle emozioni, la negoziazione dei confini e la potenziale comparsa di gelosia.

È fondamentale affrontare queste sfide con maturità ed empatia, creando uno spazio in cui entrambi i partner si sentano ascoltati e rispettati. La comunicazione aperta e la trasparenza sono essenziali per mantenere la fiducia reciproca e preservare la relazione di coppia.

Etica e consigli Nel contesto dello scambio di coppie, l’etica svolge un ruolo cruciale. Rispettare il consenso di tutti i partecipanti è fondamentale. È importante anche prendere in considerazione i sentimenti e i bisogni di tutte le persone coinvolte. Una comunicazione aperta, sincera e rispettosa può aiutare a evitare incomprensioni e malintesi durante l’esperienza di scambio.

Conclusioni Lo scambio di coppie in Italia sta guadagnando gradualmente accettazione e popolarità come forma di esplorazione sessuale e di relazione non convenzionale. Mentre ogni coppia è libera di fare le proprie scelte, è fondamentale che lo scambio di partner avvenga in un contesto consensuale, rispettoso e basato su una comunicazione aperta. È importante comprendere che non è una pratica adatta a tutti, e ogni coppia deve valutare attentamente i propri desideri, bisogni e limiti prima di intraprenderla.

(Intervista) Annarella @La_Pocia. Quando giocare con il sesso aumenta il desiderio

(Intervista) Annarella @La_Pocia. Quando giocare con il sesso aumenta il desiderio

Oggi vi presentiamo Annarella. Una donna napoletana che definire “Piccante” è assolutamente riduttiva. Non la definirei un’amante del sesso, ma una persona alla continua ricerca del piacere, della sperimentazione e che non si pone limiti per principio.

1) Ciao Pocia raccontaci un pò chi sei

Ciao ragazzi. Sono una donna, anche se mi sento ancora una ragazzina, napoletana. Mi definisco molto verace, diretta e… aperta in tutti i sensi. Per natura sono anticonformista e non amo tutto ciò che piace agli altri. Le cose mi devono emozionare.

2) Mi dicevi al telefono che sei stata da sempre ossessionata dal sesso e dalla voglia di spingerti oltre. Ci spieghi esattamente cosa intendi?

Dopo la mia prima volta che definirei normale, intensa ma strana, già la mia seconda volta fù completamente diversa. Mi ubriacai in discoteca e mi ritrovai non so come a fare sesso con due ragazzi di cui uno molto ma molto più grande di me e da quel momento nel sesso normale di coppia sentivo che mancasse quel qualcosa, quell’emozione un pò animalesca di cui mi sono resa conto di aver perennemente bisogno per godere.

3) Che rapporto hai con tuo marito e come hai/avete iniziato a trasgredire?

Mio marito è sempre stato un uomo con la testa sulle spalle. Mi ha dato da subito un equilibrio e quella sensazione di normalità di cui alla fine ho sempre sentito il bisogno, ma con il tempo il mio istinto e le mie voglie iniziavano a tornare a galla. Una sera mi ha trovata davanti al computer a masturbarmi mentre vedevo un film porno con una gang bang e lui capì subito di cosa avessi bisogno. All’inizio partecipava anche lui ma alla fine è uscita fuori la sua natura cuckold e ha scoperto di godere molto di più a vedermi scopata da uno o più sconosciuti che mi usano che quando invece

4) quale è la situazione più estrema che ti intriga e quella che invece proprio non faresti mai?

Assolutamente no sesso con minori. Mentre la cosa che mi intriga di più e che ho avuto la fortuna di realizzare è di farlo bendata con sconosciuti senza poter percepire ne quanti fossero, chi fossero e che età avessero. Sono quando è finito tutto levandomi la benda ho contato quanti fossero. Ben 18 !

5) So che hai un bell’armamentario di sex toys. Quali ti piacciono di più e ti piace usarli anche durante un rapporto?

Spesso dei negozi mi regalano oggettistica di tutti i tipi che uso e provo anche nelle mie live. Da sola ovviamente devo compendiare la mancanza di cazzo (si posso essere diretta?). Quindi amo molto i toys fallici e i plug. Quando invece sono in compagnia durante un rapporto preferisco oggetti che simolino le parti che in quel momento non sono usate, come wand e succhiatori.

6) cosa ne pensi dello scambio di coppia?

E’ un’esperienza che abbiamo provato all’inizio, intrigante e affascinante. Ho un forte lato bisex dominante e penso che sia un qualcosa che rafforza il legame di coppia rendendolo libero da paure. Spesso ho preferito essere l’oggetto del desiderio di due coppie andando da sola. Forse questo è il ruolo all’interno dello scambismo che maggiormente mi si addice.

7) Hai un profilo su OnlyFan. Come mai hai pensato di aprirlo e cosa vuoi trasmettere ai tuoi utenti affezionati?

Il tutto nasce dal mio desiderio di essere al centro della passione degli altri, di assorbirne la forza e guidare il mio piacere. Ho bisogno di guidare ma allo stesso tempo di sentirmi usata. OnlyFans è un modo per entrare in contatto con persone selezionate, decisa e intraprendenti che non perdono tempo a chiacchierare o a raccontarti della loro vita. Vanno subito al dunque, mi vogliono e io mi faccio usare perchè non fingo. E’ esattamente il mio modo di essere e di godere.

8) Mi dicevi che spesso incontri persone che conosci sul tuo canale. Cosa deve avere una persona per poterti conoscere dal vivo?

Non sopporto le frasi di circostanza, quelle dette e ridette a tutte. Devo sentirmi ossessionatamente desiderata, voluta e che impazzisce di voglia per me. Qui si parla di sesso, non devo essere corteggiata. Deve sapermi trasmettere le sue voglie più nascoste e avere fame di me.

9) Tuo marito ama essere cornuto. Capita mai che gli uomini con cui devi andare li scelga lui? Che situazione predilige?

Generalmente scelgo io. Quando lo fa lui è perchè predilige ed ha voglia di vedermi scopata da più uomini solitamente molto dotati e fisicati. Spesso mi spinge ad essere intraprendente con un estraneo, come ad esempio un cameriere o un commesso e di riuscire a farmi portare da lui da sola. Ama farsi raccontare cosa sia successo nei dettagli, sapere che il tizio mi abbia usata e che magari gli mandi qualche scatto mentre sono ancora li con lui.

10) Hai qualche consiglio per le persone che hanno delle fantasie da realizzare ma hanno paura di lasciarsi andare?

Se non si realizzano le proprie fantasie, ci rimangono dentro e ci portano a un costante senso di frustazione e delusione. Si sente di non aver mai vissuto la vita che si voleva vivere perchè mancano le emozioni. Bisogna sapersi affidare non al caso ma da persone esperte che sappiano guidarti e portarti a delle sensazioni che non immaginavi di poter provare. Se si scelgono le persone giuste, ci si sfida, niente può andare storto e ne uscirete immensamente più forti.

SEGUI @LA_POCIA

Se volete seguire @la_pocia sui suoi social, cliccate sui seguenti link:

@la_pocia su Il Lato Oscuro del Sesso

@la_pocia su ONLYFANS

@la_pocia su TWITTER

L’amore in 3. Il ménage à trois

L’amore in 3. Il ménage à trois

Il ménage à trois, un classico dell’immaginario erotico maschile, abita le fantasie anche di un’italiana su quattro. Con una novità: secondo un’indagine dell’istituto di ricerca Usa iModerate Research, se prima le donne preferivano sentirsi “preda” di due uomini, ora tra le lenzuola vogliono una lei.

Un cambio di tendenza fotografato anche dal cinema con Vicky Cristina Barcelona, la pellicola di Woody Allen che vede Penélope Cruz e Scarlett Johansson impegnate in un duetto erotico con Javier Bardem. O anche dal film Sanguepazzo con la liaison tra Monica Bellucci e Lavinia Longhi.

«Le immagini di baci saffici hanno contribuito a sdoganare una sfaccettatura della sessualità femminile sempre esistita: ognuna di noi, per natura, è attratta anche dalle donne» spiega Marinella Cozzolino, presidente dell’Associazione italiana di sessuologia clinica. «E siccome le donne oggi hanno voglia di sperimentare, scelgono il rapporto a tre come luogo “sicuro”. Da una parte hanno l’elemento conosciuto, l’uomo, dall’altro c’è la novità, la donna che, conoscendo meglio il corpo femminile, è capace di fare vibrare altre corde».

Ma come la mettiamo con la gelosia per il proprio uomo? «Fa parte del gioco» risponde la sessuologa. «Nella ricerca di emozioni forti si mette in conto il confronto con una rivale». Resta allora il classico dubbio: se si hanno queste fantasie erotiche bisogna confessarla al partner? «Se è solo un pensiero, meglio tenerlo per sé come carburante per l’eccitazione» conclude Cozzolino.

«Se, invece, si tratta di un desiderio profondo, si può provare a parlarne con il partner. Nel caso si decida di intraprendere questa strada, è sempre meglio coinvolgere una sconosciuta. Solo così l’esperienza resterà un episodio isolato capace di regalare emozioni forti da “rivivere” per accendere la passione. Altrimenti, se si sceglie un’amica… Si corrono due rischi: ricadere nella tentazione trasformandola in abitudine o scatenare conflitti e gelosie che potrebbero minare la felicità di coppia».

Con il tempo,però, può nascere qualche problema. «Il più comune? Non riuscire a lasciarsi andare completamente con l’altro uomo sotto gli occhi del partner, sentirsi giudicate e considerarsi “una poco di buono”» spiega il sessuologo. «In questo caso meglio concedersi una riflessione più approfondita: se l’esperienza è comunque soddisfacente, si può provare ad accantonare i pregiudizi. Se, invece, si capisce di aver accettato solo per compiacere lui, è bene confidargli la verità e fare un passo indietro».

Un altro tasto dolente è, ovviamente, la gelosia. Vedere la persona che si ama con un terzo può essere vissuto come un tradimento. «In questo caso è fondamentale parlarsi e ammettere che, forse, non si è disposti ad accettare le nuove regole del gioco» continua l’esperto.

Prima di buttarsi in giochi che coinvolgono altri bisognerebbe anche dirsi che la coppia, dopo, potrebbe non essere più la stessa. «A volte il rapporto si rinsalda ma in altricasi il triangolo o il “quadrato” diventano l’unico modo per raggiungere il piacere» aggiunge Quattrini. «Oppure la sintonia con il terzo si rivela migliore che con il compagno». Il rischio, insomma, è che alla fine a essere escluso dal letto a tre piazze sia proprio il partner di sempre.

Incontri al buio: preparazione, pro e contro (Guida per Lei)

Incontri al buio: preparazione, pro e contro (Guida per Lei)

Una ragazza che attende al bancone di un bar l’arrivo di qualcuno. Oppure lei che scende da un’auto nel luogo dell’incontro. È così che cominciano gli incontri al buio, quegli incontri in cui due persone che non si sono mai viste prima provano a conoscersi.

Un appuntamento al buio implica un totale salto nell’incognito (nel buio, appunto) per definizione. Non si ha assolutamente idea della persona che si incontrerà: nulla dell’aspetto, delle opinioni, dei gusti e delle preferenze, nulla del carattere.

Gli incontri rappresentano un’incognita che per definizio aumenta l’intrigo, ma qui oggi non stiamo parlando di incontri tra cuori solitari che cercano da subito qualcosa che sia per costruire. Oggi parliamo solo di vivere il momento.

Non avere paura, ma abbiate timore.

Che ci si sia appena conosciuti su di un sito, che magari sia scattato l’intrigo o che semplicemente si abbia deciso che una scopata (eh si, non usiamo mezzi termini) con quel tizio ci starebbe bene, ma niente di più. Abbiamo ancora paura di donne che possano sentirsi svincolate dal fatto che la debbano dare solo per amore? suvvia.. crescete…

Gli appuntamenti avvengono sempre in posti neutri, dove ci sia sempre altra gente (meglio andare sul sicuro) e dove si cercherà di capire se ci sia chimica o meno, se il tizio in questione è a modo e tranquillo (non il classico arrapato pisello centrico con l’occhio spermatico).

E’ un incontro per capire se ci si piace, non è detto che si vada subito a letto. E’ ovvio che se ci si prende subito, si potrebbe rimandare alla prossima volta per finire a letto, ma perchè farlo se c’è molto piacere? Ma in linea di massima conviene sempre rimandare a un secondo appuntamento. Magari al di là delle frasi di cortesia non si è piaciute davvero, magari poi a ripensarci bene non vale la pena.

Se la vostra intenzione è limitata al trovare un buon compagno di letto, evitate di parlare di vostre paturnie, problemi con il mondo e cose troppo personali che potrebbero creare un legame diverso, almeno agli inizi. Questo serve a mettere da subito in chiaro che non si vuole e non si cerca altro che un uomo che sappia fare l’uomo.

Preparatevi sempre una exit strategy. Abbiate sempre una persona che possiate contattare con un messaggio per crearvi una scusa per allontanarvi (magari vi chiama e voi dite che dovete scappare) o comunque che possa sapere che vada tutto bene. Ma preparatevi anche sempre all’eventualità di poter andare da qualche parte se la cosa vi sfugge di mano.