Le Cuckquean. Le donne che godono nell’essere tradite.

Le Cuckquean. Le donne che godono nell’essere tradite.

GODO QUANDO VENGO TRADITA DAL MIO UOMO: SONO UNA CUCKQUEAN

La definizione di Cuckquean è quella di una donna che trae piacere dalla consapevolezza che il proprio partner ha rapporti sessuali con altre donne. Una condizione feticista che viene considerata come “reverse cuckold” cioè uguale a quella di un uomo cornuto consapevole, partecipativo e contento. Insomma una Cuckquean è semplicemente un Cuckold donna.

Il cuckqueaning altro non è che il corrispondente femminile del feticismo cuckold, cioè quegli uomini (anche qui, sposati e/o seriamente impegnati) che godono a vedere la propria donna sc*pata da un altro. Come il cuckold, la cuckquean assiste alla copula cornante tutta felice ma ferma, anche se ad alcune piace filmare la scena: la maggiore azione sessuale che una cuckquean fa (non sempre e non tutte ma molte sì) è masturbarsi davanti all’amplesso proibito. Proibito si fa per dire, perché sia la coppia cuckold che la coppia cuckquean, si reggono su un patto di ferro, siglato tra due sposi che si amano, sul serio, e sinceramente, due persone tra cui la passione e il sesso sono tutt’altro che spenti.

Molto spesso la Cuckquean assiste ai rapporti sessuali del proprio uomo con un’altra donna, a volte restando in disparte fuori dalla porta, ma più spesso osservando i due nuovi amanti da vicino accarezzandosi da sola e masturbandosi guardando la scena per lei eccitante.
Solo raramente può magari avvicinarsi ed aiutarli a provare piacere attraverso baci e carezze. Molto diffuso è il permesso finale che le viene dato di avvicinarsi alla coppia accarezzandola dopo l’amore e usando la bocca e la lingua per lavarli e pulirli entrambi con cura.

Cuckold e Cuckquean sono persone che decidono di affrontare a viso aperto la gelosia che sentono per il proprio partner stabile (userò talvolta moglie e marito per indicare i due partner stabili in una relazione indipendentemente dall’esistenza di un legame di matrimonio formalizzato).

La somiglianza tra i due però finisce qui. Cuckold e Cuckquean vivono infatti la propria esperienza in modo molto diverso sul piano psicologico.

Generalmente il Cuckold trae il proprio piacere nel sapere che la propria donna gode con qualcun altro. Il Bull è un sostituto: un uomo in grado di adempiere in modo diverso e con maggiore capacità il ruolo che spetterebbe al marito. Per questo il Bull ideale in una coppia Cuckold è prestante, resistente e superdotato.
Il Cuckold vuole vedere la propria donna godere ed essere pienamente soddisfatta. E’ una dimostrazione di amore incondizionato che passa per l’umiliazione – più o meno temporanea – del proprio ruolo di maschio.
Il piacere del Cuckold è tutto in questo doppio movimento di sottomissione e fiducia che lo porta a immedesimarsi nel piacere della propria partner. Quando un Cuckold vede la propria moglie fare sesso con un altro uomo si concentra unicamente sul piacere di lei: è compito del Bull portarla all’orgasmo.

Difficilmente una Cuckquean vivrà il rapporto nello stesso modo. Il piacere di una donna è più pieno e complesso. La Cuckquean tende a immedesimarsi sia con il marito che con l’amante. Da un lato gode del piacere che prova il suo uomo, dall’altro si immedesima nel piacere che il suo uomo provoca all’altra donna. Se per un Cuckold è scontato che la sua donna porterà all’orgasmo l’amante, per una Cuckquean l’orgasmo dell’altra è un vero e proprio fattore di successo. Per la Cuckquean essere nella condizione di incertezza rispetto all’orgasmo dell’altra donna rappresenta una vera e propria vertigine che in quanto donna non può sperimentare. A volte la Cuckquean assume il pene del suo uomo come fosse il proprio e trova il suo piacere nel trovare il modo di sentirlo dentro al corpo dell’altra donna.

La Cuckquean vive l’atto sessuale come momento di immedesimazione con la coppia marito-amante e non soltanto con il marito. Grazie a questo movimento psicologico la Cuckquean riesce a vivere l’esperienza del sesso come momento di estasi e fusione totale con il proprio partner molto più di quanto riesca un Cuckold. La Cuckquean può liberamente scegliere di volta in volta di cedere al piacere dell’umiliazione, a quello della complicità, al dominio o qualsiasi altra condizione psicologica la accompagni meglio al godimento totale.

Nella relazione Cuckold la coppia ha come obiettivo l’immedesimazione del marito nella moglie. Il compito della moglie è quello di trovare il modo di ricevere il massimo piacere sessuale dal Bull trovando il mondo di includere il marito dentro questo piacere.

Nella relazione Cuckquean invece è la coppia marito-amante che deve trovare il modo di includere la moglie nel piacere di entrambi.
Il marito deve trovare il modo di dare il massimo piacere all’amante e dimostrarlo alla moglie. L’altra donna deve accogliere questo piacere e trovare anche lei il modo di condividerlo con la Cuckquean. Per questo il Cuckold è sempre una figura sottomessa mentre la Cuckquean è una figura spesso dominante che estende il suo dominio su altre donne.
Questo vuol dire che mentre non tutti gli uomini possono diventare dei Cuckold, quasi ogni donna può trovare una diversa soddisfazione del proprio ego assumendo il ruolo di Cuckquean realmente o anche solo nella fantasia.

Generalmente la Cuckcake (l’altra donna, la versione femminile del Bull) viene scelta dalla Cuckquean e molto frequentemente è un’amica della Cuckquean.

Intervista a Donne che amano il sesso (consenziente) violento…

Intervista a Donne che amano il sesso (consenziente) violento…

Quando si parla di sesso violento bisogna fare attenzione a non travisarne il significato e non confonderlo con abuso. Nel sesso tutto è consentito, qualsiasi pratica o perversione, a patto che si rispettino sempre almeno due regole fondamentali. Massima condivisione e accettazione tra due (o più) parti di quello che si stia facendo e non vi siano coinvolti minorenni o persone in quel momento non lucide.

In nessun caso è e sarà mai accettato un discorso tipico di idioti da tastiera (che le donne nella loro vita al massimo le hanno pagate) che sostengono la teoria “tanto poi gli piace comunque”. Se vi dovesse passare per la capoccia un pensiero del genere, provato solo anche per un istante a pensare se un gruppetto di uomini incontrandovi per strada facesse lo stesso ragionamento con lui (sempre che poi non abbia anche quelle preferenze sessuali)

ll sesso violento è spesso argomento di accesi dibattiti. C’è chi lo etichetta nella categoria degli abusi. Chi lo vede come un legittimo fetish. “Cosmopolitan” ha chiesto il parere di tre donne anonime che lo amano e lo praticano.

Quanti anni hai?

  • Donna A: Ventisette.
  • Donna B: Ventitré.
  • Donna C: Trentaquattro.

Cosa rappresenta per te il sesso violento?

Donna A: Tutto ciò che comporta un po’ di pericolo e di sperimentazione. E, di solito, alcuni effetti spiacevoli come dolore o perdita completa della voce dopo aver fatto un pompino sconvolgente.

Donna B: Fondamentalmente il sesso aggressivo, soprattutto sculacciate, soffocamenti, conati di vomito, tirate di capelli e corde.

Donna C: Hmm, essere bloccata a testa in giù, ricevere ordini e spintoni, etc.

Qual è la differenza tra sesso violento e BDSM?

Donna A: Secondo me, il BDSM è più pianificato mentre il sesso violento riguarda il “qualunque cosa accada”.

Donna B: Non sono sicura, a mio modo di vedere hanno molti punti in comune. A me piace il sesso violento, ma mi trovo a mio agio anche con le pratiche di dominazione e sottomissione.

Donna C: Beh, io non indosso costumi o m’iscrivo a un master in Bondage.

Come hai capito di preferire il sesso violento?

Donna A: Ero a conoscenza dei modi selvatici del mio attuale ex, ma non abbiamo mai sperimentato nulla di veramente audace. Anni dopo, ci siamo riavvicinati e ho accettato di concedermi a tutto quello che aveva in mente. Ascoltare la sua voce mentre mi ordinava atti specifici è stato un passo importante. La prima repulsione è diventato desiderio.

Donna B: Un ragazzo mi ha iniziato a prendere in giro dicendomi cose che avrebbe voluto farmi. Così ho pensato di prenderlo sul serio. Abbiamo iniziato con il soffocamento, le sculacciate e i capelli, e ho capito che era quello che avevo sempre voluto.

Donna C: Prima il sesso era noioso. Adesso è più divertente e posso comunque farlo il sesso dolce.

Quali atti specifici preferisci?

Donna A: Fare pompini profondi in posizioni che consentono all’uomo di avere il controllo su di me. Le mie mani sono legate e non ho il controllo di quanto va in profondità. Oppure avere mani e caviglie legate mentre l’uomo mi inserisce vibratori anali e spinge il suo pene dentro di me e mi tira i capelli.

Donna B: Sculacciate, soffocamento, quando mi tirano i capellii, bondage, essere legata e coperta di vomito.

Donna C: Mi piace essere sculacciata e stritolata.

Come si fa a fare in modo che sia sicuro?

Donna A: Il pericolo fa parte del divertimento, ma usare il buon senso per far andare lisce le cose. So quali sono i miei limiti e quando devo dire all’altra persona di smettere. Non voglio mettermi in pericolo solo perché il mio uomo sta godendo.

Donna B: Utilizziamo delle strategie. Parole di sicurezza, o se c’è il bavaglio coinvolto, con dei movimenti o tocchi prestabiliti.

Donna C: Dico soltanto “no soffocamento”, perché so che non mi piace.

Avete sempre definire chiaramente i confini in anticipo? Quei confini cambiano mai?

Donna A: Io chiarisco i limiti in anticipo in modo che tutto vada liscio. Nulla rovina il momento come doversi fermare e dare una lezione sul perché non si è in quello che il ragazzo vuole fare. Se qualcosa non è andata bene durante l’ultimo round, come forse ha usato la cintura un po ‘troppo duro o ha fatto male il collo il modo in cui ha tirato i capelli, questo è quando dico che dobbiamo prendere in giù di una tacca la prossima volta, quindi vado da questo.

Donna B: Dipende. Mi fido del mio attuale fidanzato, conosciamo i nostri confini e certi giorni se non ho voglia di qualcosa basta che lo dico.

Donna C: Sicuramente gli dico quando qualcosa non mi piace o mi mette a disagio, ma generalmente accade durante il sesso, non prima.

Sei mai stato ferito o hai ferito un partner?

Donna A: Una volta ha fatto un pompino ‘troppo in profondità’ mentre lui stava sopra di me. Mi sentivo soffocare e avevo bisogno di tirare fuori la testa, ma lui stava per venire. Alla fine gli ho morso il pene e l’ho tagliato. Un’altra ho vomitato su un ragazzo sempre durante un pompino. Lui mi ha detto di andare avanti anche se c’era vomito dappertutto. I contrattempi devono accadere. Fanno parte del rischio e devi solo andare avanti.

Donna B: Niente di più di un gomito nelle costole. Se mai entriamo in un territorio a rischio (il sesso anale) lui è molto rispettoso e si assicura che di comunicarmi fiducia.

Donna C: No.

Come si fa a chiedere il sesso violento a nuovi partner?

Donna A: Faccio la prima mossa facendo qualcosa che probabilmente non si aspettava, come un profondo pompino con tutta la gola. Cerco di essere incoraggiante e dico loro quello che mi piace, come farmi tirare i capelli. Se non è abbastanza violento, di solito glielo dico.

Donna B: Ho avuto delle conversazioni al di fuori della camera da letto per testare le acque, chiedendogli cose come, “Che ne pensi di questo o quello?” e misurare la sua risposta. Se si tratta solo di sculacciate e roba simile glielo chiedo solo durante il rapporto sessuale, sennò sembro fuori di testa.

Donna C: Onestamente, di solito non lo chiedo io.

Ti è mai capitato un partner che ha rifiutato la violenza?

Donna A: Non ancora.

Donna B: Non l’ho mai esplicitamente richiesto.

Donna C: Non è ancora successo.

Secondo la vostra esperienza, qual è la percentuale dei vostri partner che ama il sesso estremo?

Donna A: Il settantacinque per cento sì, il venticinque per cento no.

Donna B: Il venti per cento era totalmente aperto al riguardo, il quaranta per cento sembrava curioso ma troppo timido, il quaranta per cento non non interessato.

Donna C: Direi il cento per cento.

Qualcuno ti ha mai giudicato per le tue preferenze sessuali?

Donna A: Ho mostrato alla mia migliore amica la mia collezione di gadget sessuali ed è rimasta scioccata quando le ho racconto tutte le cose che ho fatto con il mio ex. Nelle conversazioni con altri amici, però, è del tutto normale.

Donna B: Sì. Una cara amica è inorridita quando le ho raccontato cosa faccio con il mio fidanzato. Praticamente mi ha detto che lui è ”un mostro” e che mi stava “forzando” a fare quelle cose.

Donna C: In realtà, la maggior parte dei miei amici preferiscono il sesso violento, quindi non penso.

Qual è l’idea più stupida che si ha riguardo una donna a cui piace il sesso violento?

Donna A: Probabilmente che sia molto esigenti. Per me, si tratta di dare piacere all’altra persona. Non di controllarla.

Donna B: Che siamo troie o ragazze con “problemi”.

Donna C: Che sono trash o troia.

Secondo te cosa dovrebbero sapere i lettori di Cosmopolitan prima di sperimentare il sesso violento?

Donna A: Io direi: Non abbiate paura di provare! Se non avessi provato, non avrei mai immaginato che mi sarebbe piaciuto. Non vi preoccupate dell’aspetto, tanto finirete come un pasticcio caldo e sudato, ricoperto da tutti i tipi di fluidi corporei. Iniziate con un paio di cose spinte e vedete cosa funziona. Ancora più importante, non abbiate paura di parlarne con il partner.

Donna B: Non abbiate paura di parlare e chiedere quello che desiderate. Stabilire i confini all’inizio può sembrare scoraggiante, ma ne varrà la pena.

I Toy Boys. Assolutamente meglio di una relazione stabile

I Toy Boys. Assolutamente meglio di una relazione stabile

Il sesso deve essere fatto bene, altrimenti si chiama noiosa routine.

Quando si parla di Toy Boys bisogna fare un’importante precisazione. Non sono amanti, non sono solo una botta e via ma nemmeno troppo legati, non c’è da parte di Lei una reale dipendenza sentimentale e infine la donna che si intrattiene con i Toy Boys deve avere da circa 40 anni in su.

In particolare l’età di Lei è importante definirla all’interno di questo articolo perché se si hanno 30 anni non si rispetterebbe quella regola per cui l’ometto con cui ci si stuzzica sia molto più giovane di lei e dovremmo mettere in campo anche i minorenni e non è questo il caso, anche perché va bene avere un uomo molto più giovane, ma uno troppo giovane, è ancora poco esperto sul sesso per realizzare le necessità di una donna che ne saprebbe fin troppo più del felice malcapitato.

Cosa è esattamente un Toy Boy per una donna?

La definizione migliore è quella che diede Madonna parlando dei suoi… “Un Diamante che Brilla in una scatola piena sola di bigiotteria” e essere uno di loro non è da tutti, rassegnatevi. Trovare una donna che vi permetta di farle da amante la potreste trovare perché siete piacenti, perché siete intelligenti o simpatici, perché magari scopate bene o perché siete coccoloso o teneroni o perché avete un carattere deciso che alle donne piace sempre.

No il toy boy non è niente di tutto questo, ma tutto questo messo insieme. E’ bellogiovane con età media di 30 annidisinibitopieno di energia e di vita che non si stanca mai e che è l’unico uomo veramente capace di farti dire basta basta… dammi tregua. E’ un uomo che è conscio del suo ruolo da fuco e niente di più, sa rispettare le necessità e gli spazi di lei ed è sempre pronto ad accorrere quando la sua regina lo chiama.

Quando si guida una macchina sportiva non ci si trova più bene con una semplice utilitaria e una donna che ha “riassaporato” il gusto dell’essere giovane e desiderata difficilmente torna indietro tra le braccia di un altro ingrigito uomo. Un amante si nasconde, un toy boy invece si mostra come un trofeo alle amiche. Mentre loro cercano likes su facebook fotografando le pietanze, lei potrà invece mostrare la sua mano che gli accarezza la tartaruga. Insomma una bella differenza no? Insomma avere un toy boy è cosi’ semplice e non ha controindicazioni?

Iniziamo dal dire che trovare un toy boy per una donna non è difficile, il problema è riuscire a stabilire quell’affinità che è necessaria a ogni donna per avere un buon sesso degno del nome. Muscoloso ma spesso stupido come una zucchina, diretto e maiale ma a parole che poi invece a letto lui sopra e lei sotto e via che ti prende dopo un po’ sonno.

Inoltre i Toy Boys che mediamente hanno 10/15 anni meno di lei non è che alle 10.30 gli prende sonno e si mettono il pigiamone. Quelli ti vanno in discoteca e tornano ancora arzilli e saltellanti a casa alle 6 di mattina e, purtroppo per voi, la concorrenza è micidiale e bisogna saper non essere gelose. Il motto di una donna che ha un Toy Boy non deve essere mai “tra tante ha scelto solo me” ma forse un più equilibrato e realistico “tra tante 20 enni col culo sodo e senza cellulite riesco ancora a rientrare nella cerchia di persone che ad uno così piacciono”. Si perché il vero problema, care mie, non è trovare un toy boy… ma è tenerselo.

Non è quindi meglio un ingrigito coetaneo ? certo non andrà a 300 all’ora come un Ferrari ma magari è comodo……

La pericolosa moda del Chem-Sex

La pericolosa moda del Chem-Sex

In un mondo connesso e dove le mode e le notizie girano a una velocità impressionante che solo 10 anni fa non potevamo nemmeno immaginare, anche le cose più truci e stupide prendono piede senza nessun controllo.

Dalle teorie allucinanti in cui per curare un timore basta bere tanto limone o alle teorie complottistiche sulle scie chimiche, tutto corre sul web e spesso le persone che non sono solite verificare l’attendibilità o le conseguenze di una notizia che porta a un azione ci cascano facendo tanti danni sulla propria pelle. Ed è proprio questo che sa succedendo questi giorni con una nuova moda che sta imperversando tra i giovani.

Che cosa è il Chem-Sex ?

E’ una moda nata negli ambienti omosessuali londinesi di età compresa tra i 20 e i 35 anni,dove, grazie ad un mix di droghe, si vivono esperienze estreme di sesso per un’intero weekend. Si tratta di assumere una serie di allucinogeni come il mefedrone, l’acido γ-idrossibutirrico (Ghb), il γ-butirrolattone (Gbl) e la metamfetamina, che danno euforia, resistenza, abbassano il senso di pudore e inibizione ma in particolare danno quel senso di sapere di stare facendo qualcosa senza poi ricordarsi esattamente cosa. Una sensazione strana di immagini, flash, situazioni nella mente che non durano per più di due secondi.

Si sa insomma che si è fatto qualcosa ma non si sa come ci si è arrivati, cosa si sia fatto davvero e ci si chiede come mai di certi segni o fastidi arrivando alle volte di non capire nemmeno perchè ci si trovi in certi posti.

Come abbiamo detto questa moda è nata negli ambienti omosessuali ma si è diffusa in tutta europa anche e, in particolare ora, sopratutto tra gli etero sessuali che spesso, senza rendersene costo, si ritrovano a fare sesso omosessuale senza nemmeno ricordarselo.

I pericoli sono immensi ma non vengono considerati

Oltre ai problemi legati alla droga come i rischi di problemi cardiaci e respirato, oltre ai problemi che nel brevo e medio termine possono portare ai reni e al fegato , considerando anche il mix di droghe, c’è l’aspetto più inquietanto che è quello che poi spinge le persone a provare questa “emozione”.

Il non capire dove si è, ma in particolare con chi si è, porta ad avere rapporti non protetti, con perfetti sconosciuti e con conseguenze inimmaginabili. Non avendo freni inibitori, confusi e con quel senso di onnipotenza che le droghe di danno, ci si può ritrovare in giochi che possono oltrepassare il limite e sfociare nella violenza o nel compiere qualcosa di estremamente sbagliato che potete solo immaginare.

Riusciremo a fermare questa terribile moda?

 

Sex Toys. Le donne li gradiscono e li acquistano più degli uomini

Sex Toys. Le donne li gradiscono e li acquistano più degli uomini

Internet, uomini e porno. Questo è l’assioma con cui si pensa che funzioni il mondo del sesso e della navigazione con i computer. Uomini che comprano porno e oggettistica sessuale che poi verrà proposta all’interno della coppia per divertirsi un pò.

E invece no, vi sbagliate alla grande

Secondo una ricerca di Idealo, portale internazionale di comparazione prezzi, per le donne la curiosità verso i gadget erotici non è più un tabù. Solo nel 2017 sono proprio le donne a dare vitalità al mercato dell’oggetistica del piacere sessuale e gli acquisti dei sex-toys in rosa si attestano intorno al 26% sul totale rispetto ad un esiguo 5% degli acquisti fatti da uomini.

Sarà forse colpa di Sex & The City, sarà forse per il successo di 50 Sfumature, ma sono le donne ad avere oramai il primato nell’acquisto diretto di gadget erotici, attraverso piattaforme digitali che hanno incrementato i loro fatturati di bel il 148% negli ultimo 4 anni ed è diventato il canale privilegiato per gli acquisti di categoria.

Ma se pensate che sia una bella notizia il fatto che le donne si siano finalmente emancipate sessualmente, mi dispiace dirvelo ma vi sbagliate anche qui. L’80% delle donne che acquista sex toys lo fa per uso personale, o perchè non si ha a disposizione un partner con cui fare sesso abitualmente o perchè il proprio partner non le soddisfa appieno. Solo il 20% delle donne acquista sex toys da usare consapevolmente all’interno della coppia.

Quindi per farla breve, non è che le donne si stanno emancipando ma sono gli uomini che le stanno deludendo.