Alle donne piace il Rough Sex (Sesso Violento). Conosci le sue regole ?

Alle donne piace il Rough Sex (Sesso Violento). Conosci le sue regole ?

Non c’è donna che nel suo più intimo desiderio nascosto non abbia quello di essere posseduta brutalmente da un virgulto maschio, degno del proprio nome, che la faccia così impazzire di piacere da non riuscire nemmeno bene a capire cosa stia succedendo e cosa stia facendo.

Se una donna vi dirà mai “ah, io no, non mi piace” mi dispiace dirlo ma in 9 casi su 10 mente e quella rimanente è una “figa di legno”.

Il problema è come però il Rough Sex lo intende l’uomo, traviato da film porno dove vede donne che appena suonato il campanello e facendo entrare dentro casa uno che ha già il pisello in mano, spalancano le gambe e si fanno fare di tutto senza problemi e pure felici.

No. Non funziona così !!!

Un uomo che non capisce la differenza di tempi e ritmi con una donna non sarà mai un amante capace che riuscirà a soddisfare la propria partner. Una donna è assolutamente progressiva, è un monte da scalare in cui è bene partire piano, in prossimita della cima aumentare progressivamente la velocità per poi lanciarsi in discesa senza freni.

Chi pensa di poter partire a mille, probabilmente si fermerà dopo i primi metri facendo una figura barbina e non dando alcuna soddisfazione.

Quando si riesce a portare una donna al proprio apice è lì che si vuole più spinta, forza, sentire il maschio, esprimere quella forma di dominazione che porta all’orgasmo che per le donne parte dalla testa e arriva al resto del corpo.

Il dominio perfetto, sognato da ogni donna, è un perfetto equilibrio tra brutalità e controllo. Uno schiaffo dato con decisione ma che non deve lasciare segni. Deciso ma non forte

Un graffio lungo la schiena, una stretta al collo seguita da un profondo bacio di passione, il chiamarla puttana e saperla poi abbracciare. Il decidere di farlo da dietro avendo piano piano preparato il campo lo renderà estremamente piacevole e desiderato.

Se siete uomini che volete tutto e subito, oltre a non durare abbastanza per scaldarla, il sesso ben fatto non è per voi. Rassegnatevi….

 

Golden Shower. Una pratica che ha molti seguaci in Italia

Golden Shower. Una pratica che ha molti seguaci in Italia

Non è detto che tutti sappiano cosa sia la “golden shower” e che  per i più acculturati sulla storia della letteratura antica, è la pioggia d’oro nella quale Zeus si trasformò per unirsi carnalmente a Danae. Ben più prosaicamente, la “golden shower” è la pioggia dorata dell’urina, ed è il nome con cui si indica, metaforicamente, la pratica di fare o farsi fare pipì addosso per avere piacere sessuale.

Tra i suoi estimatori abbiamo, secondo un dossier diffuso dall’ex agente segreto dell’Mi6 Christopher Steel, niente di meno del presidente americano Donald Trump, che, sempre secondo quel dossier, l’avrebbe praticata con alcune prostitute in una stanza dell’Hotel Ritz Carlton di Mosca in cui aveva alloggiato precedentemente Barack Obama. 

Se pensate che questa sia una sorta di perversione dei giorni nostri, vi sbagliate perché in realtà l’origine di tale comportamento è molto antica, addirittura mitologica e come vi dicevamo inizialmente, il mito di Danae, descritto nelle Fabulae di Hyginus (II-III secolo d.C), racconta infatti di come la bella principessa Danae rimase incinta di Giove che la prese con l’inganno dopo essersi tramutato in pioggia d’oro.

Le molte illustrazioni che nella storia dell’arte hanno riprodotto questo momento di delicato erotismo, raffigurano Danae mentre accoglie su di sé Giove in forma di pioggia dorata. Non è difficile immaginare, attraverso l’interpretazione del mito, il significato più concreto dell’atto d’amore che unì allora i due amanti e che, tuttora, rappresenta una pratica non disdegnata da molti.

 Controverso, e che richiede un’intimità e un senso della trasgressione non indifferenti, il pissing è diffuso soprattutto nell’ambito del BDSM, nel quale si ha una vera e propria ingestione da parte del soggetto sottomesso delle urine del soggetto dominante. Un gioco da fare in coppia per aumentare l’intesa fisica oltre che cerebrale, in cui ci si concede amorevolmente ai reciproci rilasci più intimi.

Perchè piace il Pissing o Golden Shower ?

Piace perchè è una forma di dominazione in cui si gioca (e ripeto gioca) a umiliare o essere umiliati. E’ un modo per sentirsi padrona o schiava nel dare o ricevere un piacere. Insomma senza troppi giri di parole “ci si sente dei bei porci” ed è questo in fondo quello che piace.

GENTE FAMOSA CHE AMA IL PISSING:

Oltre al sopracitato Donald Trump e si vocifera anche di Berlusconi, ecco un elenco di persone che hanno pubblicamente dichiarato di non disdegnarlo.

– Shirley Manson: Cantante dei Garbage che ha dichiarato in un intervista: “Odio i ragazzi che sono impauriti dalla pipì, dalla cacca e dal mestruo… Io voglio un uomo che mi lasci fare pipì nel suo ombellico”. La canzone dei garbage “When I Grow Up” contiene nel testo “Happy Hours/Golden Showers”

– Ricky Martin: In un intervista al Blender Magazine ha dichiarato che ha goduto nel dare “Piogge Dorate”

– Ellen F. Steinberg: Spogliarellista e Pornostar nonchè sostenitrice di un movimento femminista, deve il suo nome d’arte (Annie Sprinkle) alle capacità di urinare e trasformarsi in una “fontana umana”

– Guendalina Canessa: Concorrente del Grande Frattello 7 ha dichiarato più volte nel corso del programma di desiderare un uomo che le faccia pipì addosso. Raniero, altro concorrente del programma, spinto dal un desiderio di solidarietà, l’ha accontentata

– Henry Havelock Ellis: Un noto sessuologo inglese degli anni 60, nella sua autobiografia descrive di come la vista di una donna urinante lo porti all’eccitazione. E’ noto poi per la sua teoria secondo cui Rembrandt praticava il pissing, a dimostrazione di questo, il quadro del famoso pittore olandese “Bathsheba”. Henry sotiene infatti che i toni dorati e el luci soffuse insieme alla posa di Bathsheba siano un chiaro richiamo al pissing.

– Ashley MacIsaac: Violinista e cantante Canadese. Nel 1996 in un intervista parlò della sua vita sessuale, includendo il rapporto che aveva con il suo ragazzo, da giovane, e la sua passione per il pissing. Nel 2003 in un intervista per il Montreal Mirror Ashley ha dichiarato che ama ricevere la pipì di un uomo addosso.