Mi hanno chiamata “Puttana” e me ne vanto

Mi hanno chiamata “Puttana” e me ne vanto

Perchè se un uomo va in un club privè è una persona che vuole solo divertirsi e che, ci sta, che in fondo si possa cercare una scopata fuori dal matrimonio senza che ci siano legami mentre se lo fa una donna è una zoccola depravata, non degna di rispetto, che cerca solo cazzi perchè insoddisfatta della vita e con cui è meglio non avere troppo a che fare non appena arrivati all’ejaculazione?

Perchè se una donna viene beccata a rimorchiare su un social viene derisa, schernita e, dopo aver ricevuto un rifiuto perchè considerata preda facile, allontanata e segregata come se si fosse ancora nel medioevo?

E queste persone, questi benpensati, poi sono gli stessi che si lamentano del fatto che le italiche donne non la diano con facilità. Prima scatarrano nel piatto dove vorrebbero mangiare e poi si lamentano del servizio.

Mi hanno chiamata puttana. Perché gli ho sorriso quando mi diceva che avevo un bel culo, gli ho detto si senza aspettare troppo tempo, mi sono fatta toccare ovunque senza particolari impedimenti, gliel’ho preso in mano senza guanti sterilizzati da chirurgo e poi l’ho perfino messo in bocca e non ci eravamo ancora neppure presentati.

Mi hanno chiamata troia perché mi è piaciuto, ed eravamo in un piccolo sgabuzzino ricavato dentro il pub, mi sono liberata di mutande, reggiseno, gli ho sbottonato il pantalone e mi sembrava gli piacesse, era felice, lui godeva e devo dire che godevo anch’io.

Mi hanno chiamata sporca perché non ho tenuto a precisare i dettagli della mia intimità, gli ho solo detto “tiè, mettiti ‘sto preservativo” e poi ho sollevato l’anca e l’ho spinto dentro senza indugiare. E se ne avevo voglia non ho capito perché mai avrei dovuto rifiutare. L’unica cosa della quale avrei potuto lamentarmi era il fatto che è venuto troppo presto, era eccitato, c’era da capirlo, allora mi sono toccata e lui mi ha dato una mano, anzi la lingua, per fare arrivare pure me.

Ma come, non lo fermi? Non gli dici niente? Non vuoi neppure avere un abbraccio, una parola dolce, qualcosa che possa dare l’illusione di un interesse differente? E dico no, non me ne frega niente. Mi è piaciuto. Dovessi mai incontrarlo un’altra volta può anche ricapitare. Se gli sta bene. Se mi sta bene. Ma al momento dirsi ciao e grazie dopo il sesso e continuare a trascorrere la serata come prima mi sembra la migliore cosa.

Mi hanno chiamata troia perché secondo la mia amica mi sarei comportata come un maschio. E ho chiesto “un maschio gode quando scopa? e perché mai non posso farlo anch’io?“.

Mi hanno chiamata puttana perché mi è piaciuto quello che non avrebbe mai dovuto piacermi. Anzi mi eccita, ancora, solo ripensarci. Perché sono fatta di carne e di libido e non c’è alcuna morale che possa convincermi del fatto che mi sono sbagliata.

Mi hanno chiamata sporca perché avrei dovuto, come minimo, sperare che lui mi chiamasse il giorno dopo, a me che non gli ho neppure dato il numero di telefono, avrei dovuto sospirare, innamorarmi, immaginare di mettere su casa e fare mille figli con uno con il quale mi è solo piaciuto scopare.

Mi hanno chiamata stronza quando è sembrato che per difendermi dalle accuse ho dato delle bacchettone e moraliste alle mie conoscenti, quelle che mi hanno vista entrare con quel tale dentro lo stanzino e poi mi hanno aspettata fuori. Una mi ha detto “ero preoccupata… pensavo ti stesse stuprando…“.

Mi hanno chiamata troia perché avessi detto si trattava di uno stupro forse sarebbe stato meglio, avrei evitato di essere processata perché manco dell’aspirazione alla santità. E mi chiedevo se esiste regola che imponga alle donne di sentirsi violate se non rispettano le convenzioni sociali.

Io mi ricordo ancora quelle mani strette, i colpi serrati, il caldo, l’odore, lo rifarei senza problemi, perché certe volte l’intesa scatta in un momento e di lui non so cosa mi ha colpito, forse la voce, forse. Ma se dopo il sesso non proclamo di essere una martire profondamente innamorata, se ben distinguo la chimica dal sentimento, allora sono un maschio, che per chi è un po’ specista diventa essere un “animale”, nel senso becero e deteriore di quel termine.

Io troia, io puttana, io animale, io sporca. Perché in fondo c’è una mentalità che ci vuole un po’ così: stuprate, sofferenti e infelici o se felicemente scopanti dunque stigmatizzate. Al massimo sposate figlianti, senza eccessiva eccitazione per gli appuntamenti a letto.

Ho fatto sesso consensuale con un tale che non me l’ha chiesta, io non gliel’ho chiesto, mi è piaciuto e poi non ci siamo mai più visti. Per la mia amica sono ancora quella che avrebbe avuto un trauma da piccola ché altrimenti sarei lì a fare la sentimentale con qualcuno.

Mi ha triturato le ovaie con il mio presunto senso di solitudine, ché noi femmine saremmo diverse, che non è possibile che possa piacerci una cosa così, che per sentirsi realizzate per davvero le “donne”, e l’ha detta proprio così declamando teorie al plurale, avrebbero bisogno di sicurezza, stabilità, casa, famiglia, figli. Le ho detto “stai serena… a te forse non sarebbe piaciuto ma a me invece si“.

Lo posso dire che se lei trombasse di più e avesse meno moralismi attaccati sulla pelle forse starebbe meglio e farebbe stare meglio pure me?

Le dimensioni del Pisello per una donna contano? Certo ma…

Le dimensioni del Pisello per una donna contano? Certo ma…

Le dimensioni del Pisello per una donna contano? Certo, ma non come un uomo si immagini che sia, perchè lo sappiamo bene quanto i maschietti siano convinti che se l’avessero di 30cm crederebbero di essere più desiderabili.

No no e no!! Le dimensioni contano, ma fino ad una certa misura

le donne gradiscono il pisello medio!!. Sia chiaro, il bananone enorme e turgido è sempre un bel vedere e talvolta anche un bel sentire, ma è un fattore sicuramente secondario che non considera la sua gestione. Chi non sbaverebbe davanti a una fiorentina di 2kg? Si ma poi se la mangiate tutta, tanto bene non ci state.

Insomma il pene deve avere una dimensione media tendente al grande per poterlo chiamare entusiasticamente cazzo, senza dovervi spiegare che senza un uomo empatico ed intelligente, non c’è membro che regga e la misura li veramente non conta più nulla.

La fissa del SUPERCAZZO

Spesso la fissa della lunghezza da superdotato è una prerogativa tutta maschile, specie dell’uomo che si confronta stupidamente con i protagonisti dei film porno, dimenticandosi che quella è pura finzione e che quelli sono atleti che si prendono più farmaci di un cavallo al Palio di Siena.

In realtà una donna ha aspettative molto più realistiche e concrete basate sulla sua esperienza personale, e quindi non sarà delusa se non si trova di fronte una “banana da esposizione”.

Diciamo che se stessimo parlando di motociclette, quella ideale si impenna senza sforzo, si mantiene stabile e non è troppo rapida nel terminare…la benzina. Se poi la cilindrata è grossa, tanto di guadagnato, ma non è quello il principale requisito per fare una goduriosa gita fuori porta.

Sia chiaro: troppo, troppo piccolo, obiettivamente rischia di servire a poco.

Sono saltati fuori paragoni di vita (poco) vissuta con cetriolini sottaceto e contenitori per il pepe, e in quelle situazioni è difficile creare un’intimità davvero soddisfacente.

Ora, tanti uomini si chiedono come si quantifica la misura di un pene piccolo, medio o grosso e se esiste un elenco ufficiale delle misure del pene.

Ma mettendo da parte le statistiche scientifiche vi indico schiettamente il mio parere personale sulle misure giuste: un pene di 13 cm è piccolo, uno di 15 cm è medio, uno di 18 è grande, uno di 22 è molto grande.

Questo specchietto, approvato dalle ragazze, è una semplificazione assolutamente chiara e credo possa essere abbastanza condivisibile.

Diciamo che alcune mie amiche hanno anche detto che pure 5cm va bene, basta che lui sia molto ricco 🙂

Perché un pene molto grande non è il massimo

Dopo aver dato addosso ai cazzetti troppo piccoli, mi pare giusto ora anche sfatare per contro il mito del superdotato col toro nelle mutande, perché non è affatto detto che questo coincida con una prestazione sessuale da sogno, anzi, per mia esperienza è stato quasi sempre il contrario.

Ma lascio le mie considerazioni al termine dell’articolo.

  • Un pene troppo grande fa male. Non sempre si ha un’eccitazione a mille e non è così semplice accogliere un membro equino o comunque molto dotato. Forse non lo immaginavi, ma la donna che sta con un “super” spesso desidererebbe stare con un “buon medio” ma buon amatore, nella vita quotidiana. Un’amica del gruppo, parlando della sua esperienza con un dotato di colore ha detto: certo, può essere bello da vedere come una scultura d’ebano o come una gustosa barra di cioccolato, ma una volta arrivati ai fatti, se l’uomo che c’è dietro non è un granché, rimane un bell’oggetto d’arte moderna.
  • Rapporti orali scomodi. Qui oltre alla lunghezza entra in gioco il fattore “circonferenza”, fatto sta che non è assolutamente piacevole praticare un pompàge a un tronco d’albero, tant’è che c’è chi mi ha detto addirittura di avere avuto una lussazione alla mascella, un ricordo che fa ancora male ad anni di distanza!
  • Bello ma non balla. Spesso i Long John si sentono come i reginetti del liceo e nella loro testa il pensiero è: eccolo, è grosso, cosa altro vuoi di più? Mentre il portatore di piccolo o medio pene è meno pigro quindi si ingegna, si dimena, si industria (e soprattutto…lecca) per dimostrare al mondo tutta la sua abilità di scimpanzè che vuole sentirsi gorilla.
  • Il diametro conta. Abbiamo appurato che un pene di 28 cm non serve a niente, tanto mica lo devi infilare nel serbatoio di un Audi per fare il pieno. E’ invece assai più importante che sia consistente (ma non eccessivo) a livello di diametro, in modo da dare quella sensazione di “sazietà” che alla fine è il principio del sesso.

Il mio invito quindi è sempre il solito: uomini, specie se siete ampiamente adulti, non fissatevi troppo con le dimensioni del pene.

Prima di quello ci sono tante, tante altre cose su cui lavorare seriamente e che determineranno il vostro successo a livello sessuale ma prima di tutto relazionale.

Abbandonate il righello orsù, e cercate di essere uomini validi e apprezzabili: se inspiegabilmente piacerete davvero a una donna, ogni problema di centimetraggio (a meno che non sia patologico) sarà superabile.

E’ inutile possedere la torre Eiffel se nessuno poi vuole salirci sopra. Meglio avere un simpatico comignolo che tutte cercano per la sua atmosfera calda, rassicurante e scoppiettante. E questo non dipende dal righello mio caro, ma dipende da te!

Considerazioni

Il sesso l’ho scoperto presto e anche in forme piuttosto estreme, al punto che la scopatina occasionale l’ho sempre vista più come uno spuntino che una cena completa da celebrazione.

E di piselli ne ho visti tanti al punto di poter dire la mia su cosa mediamente funziona bene e cosa no.

In primis il famoso “Once you go black you’ll never come back” è una minchiata stratosferica. Mio marito mi organizzò una festicciola a sorpresa con 3 ragazzotti di colore molto ben messi e mi abbandono’ a loro. Intrigante, divertente, ma sul serio, non ho camminato dritta per 3 giorni.

Non è facile avere di nuovo voglia di provarlo.

La situazione che prediligo è con un’altra coppia o con uomini di 40 max 50 anni che sanno giocare, conoscono i tempi sessuali di una donna, sanno farti respirare e capiscono quando è il momento giusto per spingersi oltre, molto oltre, ma per le dimesioni del pisello ho le idee ben chiare sulle dimensioni.

Più che la dimensione giusta è importante il diametro “giusto” diciamo, per importanza, diametro al 70%, dimensione 30%, ovviamente entro i limiti della normalità. Ovvio che se è lungo 2 cm e largo dieci, ci posso giocare a freesbee, ma non farci sesso. Se è in generale troppo largo, fa male quando entra e azzera il piacere.

Mi sento di dire che piselli migliori sono quelli con un pò di panzetta ^^

Esperienze condivise da veri scambisti

Esperienze condivise da veri scambisti

La maggior parte delle foto e dei video di sesso amatoriale che riceviamo hanno solitamente come retroscena momenti emozionanti in cui dopo un iniziale imbarazzo ci si lascia andare senza aver paura di osare. Alcune di queste foto sono di coppie regolari, altre di coppie formate per l’occasione per divertirsi.

Oggi vi presentiamo la storia di Marco e Sabrina, coppia che dopo aver provato queste esperienza, non riesce piu’ a farne a meno, rammaricandosi di non aver iniziato prima.

Io e Marco siamo scambisti da molto tempo ormai, ma abbiamo avuto solo rapporti a 3 FFM (due donne, un uomo). Per qualche ragione, ha sempre avuto paura di invitare un altro uomo per farci sesso, anche forse per la paura di poter perdere il controllo della situazione.

Dopo un pò di tempo ho deciso di sperimentare un trio MMF e dopo averne parlato con Marc ma avevo paura si potesse ingelosire sia se avessimo scelto un conoscente, sia se ne avessi scelto uno tramite internet, ma alla fine la decisione più giusta fu quella di andare in un club privè per scambisti e decidere sul momento con chi e se farlo e in che modo.

Entrati titubanti e timidissimi, l’occhio mi cadde subito su un certo Federico. Giovane, fisico atletico, bel tipo. Incrocio lo sguardo con Marc e lui annuisce. Non sto a dirvi che nemmeno 20 minuti dopo che eravamo entrati e 10 minuti di conversazione con lui eravamo già su un letto nel retro in cui mi si scopava senza sosta con veemenza senza fermarsi mai.

Senza rendermene conto erano passate quasi 4 ore di sesso continuo e a malapena riuscivo a realizzare cosa fosse successo e cosa avessero fatto. Entrambi felici tornammo a casa e rifacemmo di nuovo l’amore. Una vittoria per tutti ?

Il fine settimana successivo siamo andati in un club dove nessuno ci conosceva e abbiamo passato tutta la notte a incontrare persone e cercare di trovare un toro adatto al lavoro. Ma ogni volta che mi piaceva qualcuno, sentivo Marco indietreggiare e non eccitarsi nemmeno per un secondo. Ho avuto paura che ci avesse ripensato quando mi disse di tornare nella stanza d’albergo che avevamo preso vicino alla struttura.

Quando siamo arrivati in stanza, sono andata sul balcone per una sigaretta e mi ha detto che sarebbe uscito per un po ‘perché voleva prendere del ghiaccio. Gli ci è voluto un po’ ma immagino di non averlo mai notato. Ero a letto a leggere quando è tornato. Teneva in mano una benda, me la mise senza dire una parola e poi mi disse di spogliarmi nuda e di restare a letto. Fu allora che sentii riaprire la porta e qualcun altro entrò nella stanza!

Marco mi ha fatto succhiare il cazzo mentre l’altra persona allargava le gambe e ha iniziato a leccarmi il culo e la figa. È stata una bella sensazione sentire il suo cazzo in profondità nella mia bocca mentre l’altra persona mi stava mangiando. Stavo diventando sempre più bagnata e arrapata, ma un pensiero mi stava ancora crescendo nella testa – è un uomo o una donna? Mio marito farà finalmente avverare il mio sogno?

Pochi minuti dopo, Marc allungò la mano sulla schiena e allargò ulteriormente le gambe. Un secondo dopo ho sentito un grosso cazzo grasso scivolare nella mia figa bagnata! Merda, ero finalmente di nuovo in un trio MMF !!!

Quindi, eccomi qui, a farmi collaborare dal mio adorabile marito e dal misterioso sconosciuto. Indosso ancora la benda e non riesco nemmeno a vederlo. Ma non mi interessa. Marco è impegnato a scoparmi la bocca e quasi mi soffoca mentre l’altro ragazzo mi sta sbattendo metodicamente il cazzo dentro la figa. Sborra in bocca una volta e schizza un po ‘ma lui non si ferma. Dopo un po ‘, di nuovo cum e inizio ad abbandonarmi sempre di piu’. Poi sento Marco iniziare a mettermi del lubrificante sul culo e dire all’altro “Spaccaglielo che domani non deve riuscire nemmeno a camminare”.

Scopata a turno nel culo, in cui si davano il cambio per non darmi trega, finalmente l’uomo misterioso si toglie il preservativo e me lo mette in bocca, mente Marco alterna mano e cazzo nel mio culo oramai totalmente aperto.

Presto vengo di nuovo (per la terza volta !!) e sento il cazzo di mio marito che inizia a pulsare profondamente dentro di me – orgasmi di nuovo. Voglio dire all’altro uomo che sono molto stanca, ma prima mi gira sulla schiena, apre le gambe e inizia a scopare la mia figa più forte che mai. Presto si ritira e sento il carico di sborra più grande che abbia mai provato in tutto il mio corpo. Mi colpisce persino il viso !!

Poi, Marco mi tolse la benda e quando mi guardai attorno, quasi saltai giù dal letto perché oltre al signore di cui non sapevo nulla, vidi una donna seduta su una sedia nell’angolo e con in mano una macchina fotografica! Poi li riconosco: sono una coppia del club in cui siamo andati!

Mio marito ha pianificato tutto: ha parlato con loro della mia fantasia mentre ero in bagno, poi ha fatto finta di non volerlo fare e poi li ha incontrati nella hall dell’hotel (quando “è andato a prendere il ghiaccio”).

Non posso mai ringraziare abbastanza questa donna – ha condiviso suo marito con me e ha realizzato un mio sogno diventato realtà. Non abbiamo mai avuto i loro nomi e non conoscevano i nostri. Probabilmente non li incontreremo mai più. Ma ricorderò questa notte per il resto della mia vita!

Quando i cellulari Nokia 3110 venivano usati come Sex Toys

Quando i cellulari Nokia 3110 venivano usati come Sex Toys

Che il cellulare della Nokia 3110 è stato il cellulare più venduto al mondo e da molti il più amato per la sua semplicita d’uso, la batteria che durava più di una settimana, l’essere ergonomico e la sua indistruttibilità.

Il 3110 è stato anche il primo cellulare ad aver conquistato il mondo femminile, in un mondo (all’epoca) in cui i cellulari erano quasi a totale appannaggio del mondo maschile, ma solo oggi si scopre che il mondo femminile l’ha amato anche per delle qualità che nessuno aveva considerato prima.

Un sondaggio condotto su un campione di donne ha rivelato un risultato sorprendente. Almeno un centinaio di loro hanno confessato al sito Agents of Ishq che utilizzano o avevano utilizzato i vecchi telefoni Nokia, ad esempio modelli come 3310 o 1100, come giocattoli sessuali.

Come riportato sul sito PhoneArena, la chiave di questa “festa erotica” è la vibrazione di cui è dotato questo piccolo telefono cellulare Nokia e, come lui, altri dispositivi di diversi produttori. Sarebbe così potente ed efficacie, infatti, da essere paragonabile al funzionamento dei giocattoli del sesso più comuni, producendone o stesso exploit.

La cosa curiosa di questi telefoni riutilizzati per questa pratica sessuale è quel che molti chiamano una “seconda giovinezza” di questi dispositivi, soprattutto se si considera come questi abbiano tanta fortuna su mercati emergenti come l’India, ad esempio.

Nel frattempo il marchio Homemade Sex Toys ha confermato che, in realtà, qualsiasi dispositivo con un motore dotato di vibrazione minimamente potente può essere utilizzato in questo modo. La stessa società ha anche riferito sul suo sito ufficiale che alcune donne hanno preferito conservare i loro vecchi telefoni come “compagni di gioco” anziché venderli.