0
5 Febbraio 2020

In un noto locale scambista staccò l’orecchio della fidanzata a morsi. Condannato!

pioggiadorata

Tanto più l’argomento ha iniziato ad avere risonanza sui media, tanto più si inizia a comprendere che il problema della violenza sulle donne non è e non è mai stato un problema di nicchia ed isolato.

Succede che anche in luoghi dove l’intesa della coppia deve essere al suo massimo, come nei locali per scambismo, qualcosa di storto succeda e che dietro una coppia apparentemente normale, si nasconda qualcosa di orrobile e mostruoso.

pioggiadorata

Nota su esperienza personale: Mi è capitato di incontrare coppie dove era piuttosto evidente che a lei questo gioco non andasse tanto e l’impressione che lo facesse solo per compiacerlo era abbastanza palpabile. Ci siamo sempre rifiutati di prosegire.

Il mio consiglio è quello di denunciare sempre o di chiedere aiuto anche ad altre coppie. Chi vive questo mondo conosce le sue regole e non accetta che una persona possa essere forzata a fare qualcosa che non è nell sue corde.

La notizia

Quattro anni di reclusione, con il rito abbreviato, e una provvisionale di 20mila euro a favore della ex fidanzata. È la condanna inflitta ad un 31enne eugubino, difeso dall’avvocato Ubaldo Minelli, accusato di lesioni personali gravissime e di deformazione dell’aspetto delle persone.

L’uomo era accusato di aver staccato con un morso parte dell’orecchio della fidanzata dopo una lite in un locale di scambio di coppie della Valconca nel novembre del 2018. Secondo la ricostruzione accusatoria l’uomo avrebbe aggredito la fidanzata e l’avrebbe morsa all’orecchio.

Denuncia chi ti obbliga! Non avere pura.

Sembra che i due avevassero litigato furiosamente nella spa della struttura nota per le notti dedicate al sesso sfrenato perchè lei si era rifiutata di fare sesso con altri presenti.

Ad attirare l’attenzione degli altri clienti della struttura nota per le performance a luci rosse erano state le grida della donna provenire dalla zona della spa. Il titolare si era trovato di fronte la ragazza che si teneva l’orecchio con un fazzoletto e il sangue che colava copioso. Così l’aveva caricata in auto e portata in ospedale.

Dove era rimasta per alcuni giorni. Sentita dai Carabinieri aveva fornito delle versioni discordanti, ma per i militari il quadro era molto chiaro dopo aver sentito i testimoni e i clienti del locale. Lui era tornato a Gubbio, dove poi i militari lo avevano arrestato.

Con il passare dei giorni anche la fidanzata aveva cambiato idea, smettendo di proteggere quel fidanzato che aveva già denunciato per stalking, per i suoi comportamenti gelosi e persecutori.

Poi era tornata con lui. Fino a quell’aggressione nella vasca idromassaggio del centro benessere, senza ricordare neppure perché avevano litigato. Per la donna era iniziato un lungo percorso di interventi chirurigici ad Assisi, dove le è tato ricostruito lo scheletro cartilageneo del padiglione auricolare e allestiti dei lembi dermocutanei per la copertura dello scheletro neoformato.

Adesso la sentenza di condanna per l’uomo emessa dal giudice per l’udienza preliminare di Rimini.

0
pioggiadorata

Meta tag articolo: , , , , , , , , , ,

Commenti & Recensioni.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*