Droga dello stupro… e non solo

Droga dello stupro… e non solo

Magari siamo noi ad essere invecchiati e, come ci facevano notare i nostri genitori, le nuove generazioni hanno perso la capacità di gustarsi le cose per quello che sono, volendo tutto, subito, velocemente e il più intensamente possibile.

Se una volta ci si sballava per provare nuove sensazioni o anche solo per il gusto di provare, oggi invece si cerca di spingersi sempre oltre il proprio limite biologico per provare emozioni sempre più forti e incontrollate attraverso droghe mirate a migliorare e a intensificare la propria sessualità.

Già 3 anni fa, prima di questo articolo, segnalammo il continuo diffondersi delle droghe del sesso e del loro uso sempre più frequente negli ambienti “bene” dei ragazzi (vedi La Pericolosa moda del Chem-Sex )

Che cosa è la Droga dello stupro

Quella che viene di solito chiamata la “droga dello stupro” è la GHB, conosciuta anche come “ecstasy liquida”. Si presenta come un liquido denso, senza colore né sapore: una specie di sciroppo, contenuto in bottigliette di plastica. Ma anche come polvere bianca, da sciogliere in un liquido, o come pastiglia. Si usa come anestetico chirurgico, ma anche per lenire i dolori del parto. E per curare la dipendenza dall’alcol: il nome commerciale, in Italia, è Alcover. Un farmaco che viene somministrato agli alcolisti perché riduce il craving, il bisogno di continuare a bere.

La GHB ha un potere sedativo e ipnotico e causa amnesie. Fra le precauzioni da osservare, c’è proprio quella di non assumerla con l’alcol, perché i suoi effetti si elevano alla potenza e si può arrivare alla perdita completa dei sensi (e addirittura alla morte per arresto respiratorio). Per questo è stata utilizzata per intontire le ragazze prima delle violenze sessuali: gli effetti durano alcune ore, in base alla quantità ingerita. La vittima avverte i sintomi di un’ubriachezza molto intensa, poi perde ogni capacità di reazione o opposizione e, se la dose inizia ad essere superiore a un certo limite, sviene e perde coscienza.

Chi la usa e perchè la usa

A sentire i media, giornali e telegiornali, parlano di questa droga come orientata esclusivamente a finalizzare un atto sessuale non consenziente con qualche ragazza conosciuta in discoteca o nei locali.

Che questo accada e che sia ignobilmente una piaga da combattere (riteniamo che le pene attuali siano ancora troppo soft in proposito), non ci sono dubbi ma bisogna anche avere l’onestà intellettuale di dire che l’utilizzo per finalità violente e non consensuali è solo una piccola percentuale rispetto a chi invece la usa consensualmente.

il GHB (in alcuni ambienti chiamata GINA) è una sostanza che viene usata da tempo in ambienti omosessuali per praticare più liberamente sesso di gruppo e per non avere freni inibitori.

Abitudine che è poi entrata di forza anche tra adolescenti che, consensualmente, la fanno assumere anche alle proprie ragazze per potersi divertire senza freni e senza troppe paure di sentirsi giudicati.

Le pericolosità del GHB

L’assunzione della droga dello stupro viene spesso miscelata a bevande a base alcolica per aumentarne l’effetto.

Per farne comprendere la pericolosità vi riportiamo una tabella ufficiale sugli effetti che causa nel corpo e per cui bisognerebbe sempre avere l’intelligenza di capire che è un gioco estremamente pericoloso e che non sempre il rischio vale l’azione che si è scelta di compiere.

Gli effetti sull’organismo sono relazionati alla concentrazione riscontrabile nel sangue:

• 25 mg/dl: senso di calore e benessere;
• 25-50 mg/dl: euforia e disinibizione, corrisponde al limite di legge [22];
• 50-100 mg/dl: incoordinazione motoria, riduzione dei tempi di reazione;
• 100-250 mg/dl: atassia, difficoltà nel linguaggio;
• >250 mg/dl: depressione respiratoria, coma, perdita dei riflessi protettivi;
• >400 mg/dl: morte

Considerazioni sulle droghe dello stupro o del sesso

Per chi vive il sesso liberamente, per chi non ha problema di parlarne all’interno della coppia ed è sempre alla ricerca di nuove emozioni o situazioni da creare insieme, l’uso di queste droghe appare assolutamente inconcepibile.

Il doversi sballare per fare cose che si posso fare tranquillamente anche senza l’uso di agenti chimici sinceramente non lo comprendiamo.

Perchè dover assumere qualcosa che ti fa anche dimenticare quello che è successo e ti toglie i dettagli di situazioni che invece sarebbe bello riraccontarsi nei dettagli e provare a riviverle o rifarle migliorandole?

Le ragazze del Sud sono le più disinvolte. (Ricerca Univ. Padova)

Le ragazze del Sud sono le più disinvolte. (Ricerca Univ. Padova)

Contrariamente a quello che normalmente si è creduto, laddove vige una repressione sessuale culturale maggiore, si tende a trasgredire e a spingersi oltre i confini del pudore.

Molte ragazze, spesso con un’amica, tendono ad iscriversi a social specifici per incontrare maschi “professionisti del sesso” o coppie con cui condividere esperienze

(Per iscriverti al sito totalmente gratuito ILO clicca QUI )

 

Il disagio giovanile si concretizza con l’abuso di pornografia on line, con l’utilizzo di droghe, soprattutto marjiuana o con avventure sessuali non protette. Ma i trend sono diversi a seconda che si analizzi il Nord o il Sud Italia. È questo l’esito di una doppia ricerca effettuata dagli studiosi dell’Università di Padova, che prima hanno valutato i profili di 1.426 studenti veneti e poi quelli di 891 pugliesi nell’ambito del progetto di prevenzione andrologica DiGit-Pro promosso dalla Fondazione Foresta.

Le ragazze del SUD sono più disinvolte

Un ritratto in base al quale i ragazzi, e le ragazze, del Sud sono più ‘disinvolti’ di quelli del Nord. “Gli stili di vita sono per il sistema endocrino-riproduttivo dell’uomo fattori di rischio per l’infertilità e per il funzionamento endocrino del testicolo e per la sessualità”, spiega Carlo Foresta. Nel dettaglio, queste sono alcune delle analisi prodotte dallo studio.

AL SUD NON SI PARLA DI SESSO IN FAMIGLIA (MA SI FA PRIMA).

La composizione familiare dei giovani della provincia di Lecce è più numerosa poiché solo il 12% dei ragazzi è figlio unico, mentre il 18% a Padova. In ogni caso il riferimento familiare per le informazioni sulla sessualità e sulle malattie del sistema endocrino-riproduttivo e sessuale a Lecce è ritenuto di poco rilievo (68,7% degli intervistati a Lecce contro 62,9% a Padova).

In genere, i giovani leccesi, rispetto ai coetanei padovani, considerano le istituzioni come la famiglia, gli insegnanti e i medici, di scarso riferimento per l’approccio a queste tematiche.

GIOVANI DEL NORD PIÙ ALTI.

Continua a crescere il trend dell’altezza nei giovani del terzo millennio, tuttavia il confronto tra le popolazioni studiate mette in evidenza che i giovani maschi del nord rimangono due centimetri più alti rispetto a quelli di Lecce (179,4 contro 177,4 centimetri), mentre le ragazze sono di poco più alte rispetto a quelle di Lecce (165 vs 164 cm).

Questa osservazione è importante poiché potrebbe essere conseguenza di un più alto tasso di inquinamento ambientale nel nord, che interferendo soprattutto con l’attività degli ormoni maschili, può determinare proprio nel maschio un aumento della lunghezza degli arti e quindi dell’altezza generale.

A tal proposito, il gruppo di ricerca ha dimostrato che nei giovani padovani si determina uno squilibrio tra la lunghezza del tronco e quella delle gambe, esprimendo in questi casi un ritardo nel blocco della crescita per la presenza di sostanze inquinanti che interferiscono con gli ormoni maschili.

I GIOVANI AL SUD FUMANO MENO E SI DROGANO DI PIÙ.

Nei giovani leccesi vi è una maggior abitudine al fumo di sigarette (43% contro 37%), che si riscontra in ugual misura tra maschi e femmine. Vi è un incremento del consumo di alcolici nel fine settimana, e un incremento di uso di sostanze stupefacenti, soprattutto marjiuana.

Dato interessante, le ragazze di Lecce dichiarano di assumere sostanze stupefacenti di gran lunga più frequentemente rispetto alle giovani ragazze padovane, ma addirittura più frequentemente degli stessi maschi leccesi.

NELLA SFERA SESSUALE I GIOVANI DI LECCE HANNO UNA MAGGIOR PROPENSIONE AD AVERE ATTEGGIAMENTI A RISCHIO: quasi il 50% dichiara di avere rapporti non protetti, rispetto al 35% dei coetanei di Padova.

Questi atteggiamenti si riflettono anche nella scarsa attenzione alla contraccezione, e nel già frequente uso, sia a Lecce che a Padova, della pillola del giorno dopo.

TROPPO PORNO ON LINE.

Tra gli intervistati, sia padovani che leccesi, è fortemente incrementata la frequenza di coloro che giudicano non soddisfacente la propria sessualità.

Le motivazioni delle più frequenti difficoltà erettive e l’assenza di desiderio sessuale possono avere diverse interpretazioni. L’elevata emancipazione del sesso femminile, gli atteggiamenti ormai disinvolti delle ragazze che non si distinguono da quelle dei ragazzi, possono creare un senso di inibizione, che poi può diventare patologia quando la sessualità multimediale prende il sopravvento.

Infatti il collegamento ai siti pornografici è dichiarato nella grande maggioranza dei maschi, sino al 90%, e sia i maschi che le femmine utilizzano questa modalità per un autoerotismo che può diventare anche molto frequente (90% nei maschi, 43% nelle ragazze).

Per quanto riguarda le abitudini sessuali emerge un dato che merita approfondimenti: una percentuale tra il 10 e il 19% dichiara una sessualità fluida, e questo atteggiamento è molto più evidente tra le ragazze, sia di Padova che di Lecce.

La vacanza Sesso e Droga in Colombia. 60 Ragazze, 30 uomini.

La vacanza Sesso e Droga in Colombia. 60 Ragazze, 30 uomini.

Ci sono vacanze divertenti e vacanze più divertenti. Ci sono vacanze dove si cerca trasgressione e vacanze che portano il concetto di trasgressione a livelli decisamente più alti. Ed ‘ proprio il caso di questa che vi parleremo riservata a “pochi eletti” che vogliono stare con belle ragazze.

Sesso, droga, alcol e un’isola privata.

Il trattamento con “pensione completa” proposto da un’azienda colombiana che si occupa di viaggi organizzati, sta facendo discutere. Secondo i media del Paese sudamericano sarebbe un invito esplicito al turismo sessuale.

La “sex island experience” offre a 30 uomini la possibilità di prenotare una vacanza con 60 ragazze, probabilmente prostitute, a disposizione degli ospiti per tutto il giorno.

Come mostra il video girato per promuovere la vacanza, sono inclusi anche il transfer dall’aeroporto e lo yatch per raggiungere l’isola a largo della coste di Cartagena, a nord della Colombia.

Proprio lo spot promozionale è finito al centro della bufera. Il video, molto esplicito nel descrivere l’offerta, è stato cancellato dal canale Youtube dell’azienda a causa della presenza di “nudità e contenuti di natura sessuale” ma è ancora rintracciabile online.

Sul sito della società però è ancora possibile trovare tutti i dettagli sul soggiorno che andrebbe dal 24 al 27 novembre. I prezzi, tra i 500 e i 1200 euro, includono non solo le prestazioni sessuali, ma anche attività più tradizionali come l’accesso ai campi da golf.

https://www.youtube.com/watch?v=xs2jELdN780

 

 

La pericolosa moda del Chem-Sex

La pericolosa moda del Chem-Sex

In un mondo connesso e dove le mode e le notizie girano a una velocità impressionante che solo 10 anni fa non potevamo nemmeno immaginare, anche le cose più truci e stupide prendono piede senza nessun controllo.

Dalle teorie allucinanti in cui per curare un timore basta bere tanto limone o alle teorie complottistiche sulle scie chimiche, tutto corre sul web e spesso le persone che non sono solite verificare l’attendibilità o le conseguenze di una notizia che porta a un azione ci cascano facendo tanti danni sulla propria pelle. Ed è proprio questo che sa succedendo questi giorni con una nuova moda che sta imperversando tra i giovani.

Che cosa è il Chem-Sex ?

E’ una moda nata negli ambienti omosessuali londinesi di età compresa tra i 20 e i 35 anni,dove, grazie ad un mix di droghe, si vivono esperienze estreme di sesso per un’intero weekend. Si tratta di assumere una serie di allucinogeni come il mefedrone, l’acido γ-idrossibutirrico (Ghb), il γ-butirrolattone (Gbl) e la metamfetamina, che danno euforia, resistenza, abbassano il senso di pudore e inibizione ma in particolare danno quel senso di sapere di stare facendo qualcosa senza poi ricordarsi esattamente cosa. Una sensazione strana di immagini, flash, situazioni nella mente che non durano per più di due secondi.

Si sa insomma che si è fatto qualcosa ma non si sa come ci si è arrivati, cosa si sia fatto davvero e ci si chiede come mai di certi segni o fastidi arrivando alle volte di non capire nemmeno perchè ci si trovi in certi posti.

Come abbiamo detto questa moda è nata negli ambienti omosessuali ma si è diffusa in tutta europa anche e, in particolare ora, sopratutto tra gli etero sessuali che spesso, senza rendersene costo, si ritrovano a fare sesso omosessuale senza nemmeno ricordarselo.

I pericoli sono immensi ma non vengono considerati

Oltre ai problemi legati alla droga come i rischi di problemi cardiaci e respirato, oltre ai problemi che nel brevo e medio termine possono portare ai reni e al fegato , considerando anche il mix di droghe, c’è l’aspetto più inquietanto che è quello che poi spinge le persone a provare questa “emozione”.

Il non capire dove si è, ma in particolare con chi si è, porta ad avere rapporti non protetti, con perfetti sconosciuti e con conseguenze inimmaginabili. Non avendo freni inibitori, confusi e con quel senso di onnipotenza che le droghe di danno, ci si può ritrovare in giochi che possono oltrepassare il limite e sfociare nella violenza o nel compiere qualcosa di estremamente sbagliato che potete solo immaginare.

Riusciremo a fermare questa terribile moda?