Attività

  • Lino_s ha creato il gruppo Logo del gruppo di Letteratura erotica estremaLetteratura erotica estrema 3 anni, 1 mese fa

    • Invito chi ama l’erotismo raccontato a partecipare, intanto condivido un brano, molto intrigante, della mia scrittrice di fiducia. G. E.

      Ciao “maschio”,
      immagino che tu adesso sia molto impegnato nella tua vita di tutti i giorni; magari hai a che fare con dei clienti. Impettito e serio, tra la gente, estremamente attento… attento a come ti comporti. Pieno di pensieri e di obiettivi, tutti rigorosamente virili: dall’ultimo risultato di calcio, alla gonna attillata e alle scarpe col tacco, della vostra nuova segretaria.
      E stanotte, poi…
      Anche stanotte l’hai passata al fianco di tua moglie?
      Forse siete andati a riposare senza nemmeno scopare; sfiniti da una giornata molto attiva…
      Ti sarai lavato, poi, tranquillo, ti sei infilato sotto le lenzuola; forse vi siete scambiati qualche carezza, forse lei ha cercato affetto e protezione tra le tue braccia di maschio, un attimo prima di passare tra quelle di Morfeo.
      Ma cosa penserebbero la tua donna, e anche tutti gli altri, se potessero vedere… se sapessero cosa hai fatto ieri mattina?
      Sì, ieri, ricordi? Quando ti sei ritagliato quello spazio di neanche tre ore, e mi hai chiamato, col cuore in gola per l’emozione e la paura. Eseguendo a puntino i miei ordini precisi.
      Appena hai trovato il tuo angolino privato, che hai fatto eh? Hai dimenticato tutto: sei corso al telefono, per dirmi che c’eri… che potevi.
      Chissà? Magari una piccola parte di te si ribellava; una piccola parte di te sperava che io non potessi risponderti… eppure hai chiamato. Pur sapendo che ti avrei maltrattato, che avrei abusato di te… come avevo promesso.
      Volevo solo farti immaginare, ricordare, adesso che sei uomo a 360 gradi, adesso, tirato a lucido, col tuo completo grigio, le scarpe impeccabili, il fisico asciutto, proprio quello che si addice a un vero manager. E magari mi piacerebbe trasmettere quest’immagine di te anche a tua moglie, perchè mi intriga provare a manovrare la tua donna tramite te… mi sembra quasi di sentirla un po’ anche mia.
      Ecco, mentre ci immaginiamo queste scene di vita quotidiana, io mi eccito pensando che quello stesso uomo, cioè tu, proprio tu, amico mio, è pronto a prostrarsi per diventare una puttana qualunque: la mia puttana, del tutto gratuita e felicissima di farsi inculare.
      Ecco immagina… immagina, maschio, immagina adesso come si fa duro il mio bel cazzo…
      Pensando che, solo ieri, ti tratto come una femmina, una stronzetta pudìca, ma che non riesce a fare a meno di ricevere la sua dose di cazzo, sia in bocca che nel culo, per quanto dolorante, per quanto sfondato.
      Ti penso con le calze nere, che tu stessa hai dovuto comprare, sputtanata e umiliata, col culo bianco tutto fuori; inginocchiata, che poggi la testa sulle mie cosce, mentre siedo sul divano.
      Il tuo dovere di troia è trastullarmi il cazzo, e tu lo fai con umiltà… baciandolo con gusto, succhiandolo ogni tanto e passandotelo sul viso, sulle orecchie, dovunque, come per farti benedire da una reliquia preziosa e umidiccia.
      Spargi il mio odore pungente e virile sulla tua faccia di puttanella.
      E intanto mi ingrifo, intosto di più e ho sempre più voglia…
      Non ti muovere: immobile, adesso.
      Sono io che giro intorno a te e mi inginocchio alle tue spalle… ti preparo a essere sverginata. Infatti indirizzo con precisione il mio cazzo con le dita… e così: ti inculo! Dolcemente, senza fretta, e pompo dentro di te per un sacco di tempo, finché vengo nel culetto, aperto e cedevole.
      Non vengo in profondità… ti sburro all’inizio del canale, lo tiro fuori e voglio vedere lo sperma chiaro e caldo che ti marchia di bianco; poi inizia a scorrerti addosso. Gustosa e potente immagine.
      Ancora non è finita… mi resta duro per qualche minuto. Approfitto del mio sperma, come lubrificante e te lo rimetto tutto dietro, ma fino alla radice, stavolta.
      Mi accascio sopra di te con tutto il peso, il mio cazzo uscirà dal foro solo se, e quando, diventa moscio. Devi aspettare, troia, devi subire: bagnata, deflorata e svergognata.
      Dillo adesso ai tuoi clienti… dillo alla tua mogliettina… che, da me, ami prenderlo tutto in culo!
      Ciao, il Padrone.

Il Lato Oscuro del Sesso è un sito nato nel 2012 riservato alle Coppie Scambiste, Esibizioniste, Cuckold e tutti coloro che conoscono le regole di questo fantastico mondo.

La registrazione è anonima e TOTALMENTE GRATUITA e non ci esistono limitazioni o sezioni a pagamento.

Puoi cancellare i tuoi dati e il tuo account in ogni momento

Cosa stai ancora aspettando per Iscriverti??